sabato 26 gennaio 2013

Educazione Siberiana


Il 14 gennaio appena trascorso è apparso sulla rivista Rolling Stone un articolo, in anteprima, del "making of" del nuovo film diretto da Salvatores. Il film prenderà lo stesso nome del romanzo scritto da Nicolai Lilin, "Educazione Siberiana" (Einaudi, 2009) e, a quanto sembra, sarà nelle sale il 28 febbraio. Sono sicuro che molti di voi, come me, non vedranno l'ora di andarlo a vedere sul grande schermo! YAY!

Ho letto questo libro appena era uscito e ricordo di averlo terminato in meno di due giorni. Non riuscivo a smettere di leggere, curioso di sapere cosa sarebbe successo la pagina successiva. Tutto questo per dire che mi è piaciuto tantissimo. Una storia dura, molte volte crudele, che sembra far parte di un mondo lontano. Questa terra è la Transnistria (ora Repubblica Moldava) dove l'autore è nato. Uno sguardo nel suo passato,    un'infanzia vissuta da adulto tra armi, criminali e bande rivali. 
Un libro unico perchè vero, una scrittura ed una capacità di ricostruire gli eventi, possibile solo per chi ne porta la diretta testimonianza. Il destino dei protagonisti è segnato, come lo è la loro pelle, dai tatuaggi e dal loro significato in codice, decifrabile solo dalla cultura di un popolo lontano ma che, grazie a Lilin, ha avuto la possibilità di farsi conoscere in scala mondiale. Infatti, il libro di Lilin è stato tradotto in ben quattordici lingue e venduto i diritti in altri diciotto paesi nel mondo (come scritto sul suo sito www.nicolaililin.com).
In occasione dell'uscita del film, vi consiglio vivamente di leggere prima il libro per entrare meglio in un mondo parallelo, a molti di noi, finora sconosciuto.Se ne avete il tempo, e l'argomento vi può interessare, andate sul suo sito personale per conoscere che persona incredibile è quest'uomo e quanto abbia da raccontare.
Anni impegnati, quelli successivi al suo romanzo d'esordio: nel 2010 esce "Caduta Libera", che ho letto e, come il primo, mi è piaciuto molto; nel 2011, invece, esce il terzo libro "Il respiro del buio" che non ho ancora avuto il piacere di leggere; alla fine del 2012 Lilin esce in libreria con un'altro libro: "Storie sulla pelle". Un libro, quest'ultimo, sul mondo dei tatuaggi in Siberia. 
Quest'autore, come vedrete dal suo sito, nel 2011 ha fondato  uno spazio culturale a Milano che prende il nome di "Kolima Contemporary Culture", già solo il sito, merita una visita!

1 commento:

Carlo ha detto...

Cavolo, anche tu hai letto Educazione siberiana! Ma leggiamo gli stessi libri?

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...