lunedì 20 gennaio 2014

RECENSIONE: "Cate, io" di Matteo Cellini

Qualche giorno fa ho terminato  di leggere un libro che mi ha dato molto da pensare. "Cate, io" di Matteo Cellini e' un romanzo che affronta un tema molto delicato.
Caterina e' una ragazza prossima al compimento del suo diciottesimo compleanno. Una famiglia felice, compatta, due genitori che vogliono molto bene ai loro figli e continuano a dimostrarlo giorno per giorno, in piccole cose ma significanti. Cate e' una non-persona, come si definisce lei. Caterina e' grassa e la cosa le crea un disagio enorme a livello sociale e pesonale. Cate-ciccia si nasconde, per quanto le sia possibile, diffida di tutti coloro che cerchino di dimostrarle affetto, amicizia. Non vuole la pieta' di nessuno, vuole solo essere lasciata in pace nel suo mondo. Un luogo, questo mondo, perfetto, dove niente e nessuno la possa ferire. Basta la consapevolezza che ha di se stessa a farla stare male. La famiglia, le ha sempre fornito amore e sicurezza, dando sia a lei che ai suoi due fratelli una finta normalita', sbagliando, evitandogli di poter parare il calcio in faccia che avrebbero preso quotidianamente fuori dalle mura di casa. Tutta la famiglia e' sovrappeso, Cate inizia ad odiarli per questo "regalo" che le hanno tramandato, qualora la cosa fosse possibile. La protagonista inventata da Cellini si ribella, sfoga tutta la rabbia e la sua frustrazione vomitando il tutto in faccia ai genitori e alla nonna. Parole forti, dure, quelle che Cati ha in serbo per loro, non risparmia nulla, li ferisce. L'unica ancora di salvezza per Cati e' il rapporto che ha stabilito con la sua insegnante di Italiano. Vede in lei un'amica, qualcuno che abbia saputo andare oltre il suo aspetto fisico, raggiungendo, oltre gli spessi strati di carne , la vera Cate. Gli eventi, man mano che il romanzo prosegue, precipitano con un effetto domino che nessuno riesce a fermare, troppi i tasselli che ad uno ad uno perdono l'equilibrio e travolgono la sua vita fino al declino totale. Una crisi d'identita' che la porteranno sul ciglio di un burrone, dopo essere stata costretta ad affrontare la realta' come se si fosse guardata allo specchio attraverso gli occhi del suo peggior nemico.   Questo e' il mio primo "incontro" con quest'autore. Uno dei personaggi piu' belli e complessi di tutte le mie letture di quest'anno. Pochissime volte mi e' capitato di imbattermi in un tema cosi' intenso e descritto in modo tanto sincero da crearmi difficolta' nella lettura. Bellissimo e' il primo aggettivo che mi viene da utilizzare, anche se a pensarci bene non molto adatto alla storia. Il lavoro che l'autore e' riuscito a fare con la creazione di Caterina, ecco, questo puo' essere definito bellissimo. Bravissimo ad interpretare Caterina, protagonista e narratrice della propria triste storia. Il narratore infatti, l'autore stesso, parla in prima persona utilizzando come veicolo la grossa mole della sua protagonista. Mentre leggevo cercavo di immaginare il processo di scrittura che Cellini ha affrontato. Immagino che la mia risposta sia nella nomina al Premio Strega 2013.
Matteo Cellini ha scritto un romanzo che ha qualcosa di diverso, porta innovazione nel mondo della letteratura moderna. Una scrittura degna di essere chiamata tale ed uno svolgimento degli eventi equilibrato. Il libro mi ha turbato, mi ha messo di fronte la realta' di quanto triste e crudele la vita possa essere. Non c'e' un lieto fine in tutto quello che si legge, finalmente, direi. Dico questo perche' la vita per bella che sia non e' certo tutta rose e fiori, bisogna essere pronti per poterla affrontare e, proprio come i genitori di Cate, far credere ai propri figli che tutto sara' bellissimo e senza ostacoli come nell'amorevole focolare casalingo potrebbe portare a conseguenze irreparabili. Qualcuno diceva che uno schiaffo in faccia fa meno male se si e' pronti a riceverlo.
Un libro che porta il lettore a riflettere molto sulle scelte che decidiamo di prendere giudicando gli altri, senza conoscere il loro percorso. "Cate, io" rimarra' un romanzo che prende una forma educativa, attraverso la letteratura, per tutti noi.

TITOLO: "Cate, io"
AUTORE: Matteo Cellini
EDITORE: Fazi Editore
COLLANA: Le Strade
PAGINE: 216
PREZZO: 13,60 in versione rigida; 6,99 in versione ebook; questi prezzi riguardano acquisti con inMondadori.it perche' li ho trovati piu' vantaggiosi, per lo meno la versione ebook. 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...