lunedì 16 giugno 2014

Sullo scaffale della libreria

Ciao a tutti! Com'è andato il fine settimana? Vi siete divertiti? Avete letto qualcosa degno di nota? Oggi è lunedì e la settimana lavorativa inizia inesorabile come sempre, togliendo un pò di quell'entusiasmo delle gite fuori città tipiche dei giorni dedicati al riposo, magari al mare, viste le alte temperature che abbiamo avuto negli ultimi giorni. Per prepararvi al prossimo fine settimana, invece, eccomi pronto a consigliarvi un libro che ho trovato tra le novità in libreria, ottimo da gustarsi sotto l'ombrellone. L'autore è Roni Dunevich, un autore israeliano che ancora non conoscevo. A colpirmi immediatamente è stata la copertina, una bandiera israeliana sullo sfondo e l'immagine di un uomo che tiene in mano una pistola.  Se cercavo elementi da thriller, beh, non avrei potuto trovare di meglio. Immediatamente ho aperto e dato una veloce lettura a quello che c'era scritto nella sinossi. Subito dopo, cercando di non comprare libri in quantità industriale, ho tirato fuori il telefonino e l'ho inserito nella mia lista dei desideri dell'applicazione di Amazon. Quando lo leggerò? Il prima possibile ma per ora ve ne parlo sommariamente, lasciandovi parola per parola quel che ho letto nella sinossi.

Titolo: "AGGUATO AI NIBELUNGHI"
Autore: Roni Dunevich
Editore: Mondadori
Collana: Omnibus
Pagine: 552
Prezzo: Amazon, InMondadori, LaFeltrinelli in versione con copertina rigida a €15,30 mentre in versione digitale a €9,99

Sinossi...

Quando Galia, un'agente speciale israeliana impegnata in una pericolosa missione in Turchia, viene catturata dalle autorità locali, Alex Bartal, che dirige la divisione operativa del Mossad dal quartier generale di Glilot, decide di intervenire per salvare la vita della coraggiosa collega.
Questa vicenda non solo scatena un'ulteriore crisi in Medio Oriente ma è anche l'inizio di una misteriosa catena di delitti: uno dopo l'altro, infatti, molti agenti israeliani "dormienti", appartenenti al cosiddetto "Anello dei Nibelunghi", vengono eliminati. Si tratta di uomini e donne che vivono e lavorano nelle principali città europee. Hanno una copertura perfetta, agiscono da soli e possono rimanere inattivi per anni ed entrare improvvisamente in azione. Non si conoscono tra loro e nessuno sa chi siano tranne chi li comanda, la cui identità è custodita gelosamente dal capo del Mossad. Convinto che tra i Nibelunghi si nasconda una talpa, Alex Bartal parte alla volta di Berlino per incontrare questo misterioso personaggio, ma l'uomo scompare subito dopo in circostanze oscure.
Ha così inizio per Alex una corsa contro il tempo per anticipare le mosse del traditore che continua inesorabile a lasciarsi alle spalle una lunga scia di sangue.
Agguato ai Nibelunghi è un thriller dall'ottimo ritmo in cui l'attualità si mescola al passato dell'Olocausto, con uno stile incisivo e un protagonista che non nasconde le proprie debolezze, particolare che aggiunge alla narrazione incalzante, di stampo cinematografico, un elemento emotivo e romantico.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...