venerdì 7 novembre 2014

Kindle unlimited & goWare: Amazon, one more time!

immagine presa direttamente da amazon
Ancora una volta Amazon ha tirato fuori una novità che cambierà parecchio il mercato e il modo di leggere. Negli ultimi giorni ho ricevuto parecchie email a riguardo da Amazon, immagino vogliano essere sicuri che arrivi il messaggio. 
Come ogni lancio pubblicitario di un nuovo prodotto, l'azienda mostra tutti i vantaggi che il lettore avrà a sua disposizione grazie a questo nuovo servizio che l'azienda di Bezos ha deciso di estrarre dal cappello magico. 
Kindle Unlimited è un sistema che vi, ci permetterà di leggere fino ad un massimo di 10 titoli al prezzo di €9,99 ogni mese - un tipo di abbonamento - che al momento si potrà provare per 30 giorni gratuitamente - vi consiglio, nel caso foste interessati, di controllare bene cosa questo possa significare - e quindi vedere se la cosa vi può andar bene, insomma, se fa al caso vostro. Ovviamente, il giorno in cui doveste decidere di non volere più il servizio, non avrete più l'accesso ai libri precedentemente acquistati. Mi sembra una cosa abbastanza corretta, visto il prezzo limitato rispetto alla quantità di libri da poter scaricare mensilmente, che ne dite?
I miei amici della casa editrice goWare hanno inoltre fatto sapere che hanno già reso disponibili 80 titoli del loro catalogo per questo nuovo servizio in streaming di Amazon. Infatti, se andate sul vostro account Amazon o anche solo sulla pagina principale, inserite nella ricerca "goware" e vedrete che i libri appariranno in serie a costo €0,00 sotto la voce kindle unlimited (ovviamente se aderirete al servizio...).
Tra i titoli che la casa editrice fiorentina ha messo a disposizione ce ne sono alcuni dei quali ho avuto la possibilità di recensire nel blog come "Il Pallonaro" di Luigi Romolo Carrino e "Il Puzzle di Dio" di Laura Costantini e Loredana Falcone.
Nel comunicato il fondatore e marketing manager di goWare, Mario Mancini, ha spiegato che hanno voluto aderire a Kindle Unlimited proprio per il fatto che lo streaming secondo loro sarà il futuro della distribuzione del libro.
In Italia questa è una grossa novità ma negli USA, per esempio, lo streaming è una cosa già super utilizzata ( anche con Amazon stesso ) e con enorme successo, pensate a Netflix (da noi non ancora disponibile ma super conosciuto) e a Spotify. 
Sono sicuro che moltissime case editrici aderiranno, visto la vasta campagna sui social media riguardo all'Iva (troppo alta) applicata agli ebook, rispetto a quella applicata ad un libro cartaceo.
Io amo gli ebook e adoro il libro cartaceo. Ma, per citare la campagna di cui vi stavo giusto parlando, "un libro è un libro" e le parole di uno scrittore non cambieranno forma o significato perchè riportate su schermo piuttosto che su carta.   

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...