venerdì 16 ottobre 2015

"Acqua Storta" di Luigi Romolo Carrino

Titolo: "Acqua Storta"
Autore: Luigi Romolo Carrino
Editore: Meridiano Zero
Collana: Gli Obliqui
Pagine: 159
Prezzo: Mondadori Store, LaFeltrinelli in versione cartacea a €7,56 mentre su Amazon a €7,48. Su tutti gli store potrete trovare anche la versione con il CD dello spettacolo teatrale e anche la versione in fumetto del romanzo.

Ho letto l'ultimo libro di Luigi Romolo Carrino "La buona legge di Mariasole" appena uscito. Iniziato e subito terminato. Non potevo farlo attendere. Ho anche messo in pausa il romanzo che stavo leggendo in quei giorni per concentrarmi meglio.
Ancora fresco di lettura, mi siedo al pc e comincio a buttar giù due righe per parlarvene, una piccola recensione, poi però, mi sono scordato che non vi avevo ancora parlato di "Acqua Storta"! La lettura di "La buona legge di Mariasole" è vivamente consigliata ma, essendo un seguito, propongo di immergevi prima nella conoscenza del personaggio attorno al quale ruota un pochino tutto, Giovanni, e di come si è arrivati all'inizio dell'ultimo romanzo di questo autore.
Per questo motivo ho voluto prima rileggermi "Acqua Storta" e proporvi questo post. Cercherò di non fare troppi spoiler, anche se la vedo dura...
Giovanni è il figlio di un boss della malavita napoletana. Per caso, ad un festino abbastanza trasgressivo, incontra Salvatore, un uomo che lavora per il padre e, di conseguenza, anche per lui. Quell'incontro si trasformerà in una relazione di sesso e muto amore, soffocata dal contesto che li circonda. Un mondo che partorisce violenza come unica legge, dove l'onore è tutto, un valore assoluto.
Giovanni è sposato con Mariasole, donna alla quale anni prima si era dovuto unire in matrimonio per decisione dei rispettivi padri. Due famiglie che, invece di continuare a farsi guerra, decidono di cancellare il campo di battaglia che le separa attraverso il matrimonio dei figli.
Mariasole odiava Giovanni e odiava la sua famiglia che l'aveva costretta ad una vita di coppia forzata. Giovanni era indifferente alla cosa, rispetto alla sposa, almeno così appare al lettore. Ma questa sua indifferenza è dettata dall'incapacità del soggetto di vivere qualsiasi sentimento affettivo a causa della violenza, sua maestra e di una vita che lascia poco tempo da dedicare a se stessi.
Carrino è riuscito in poche pagine a descrivere un mondo intero. I personaggi sono degni figli del contesto nel quale vivono e nel quale sono cresciuti. L'amore e l'affetto sono solo legati ai codici della malavita e delle famiglie che ne reggono le sorti.
Potente e sconvolgente, un linguaggio che porta il lettore nel malaffare, rendendo le scene descritte "reali" quanto quelle di un film. L'uso di espressioni dialettali aumentano la forza delle parole usate dall'autore, donando forma ai personaggi e al loro carattere. 
Finisco il post dicendovi anche che questo libro ha venduto i diritti ad una casa di produzione e che non si è fermato lì. Vi sono state delle rappresentazioni teatrali ( esiste una versione del libro contenente il CD ) ed è stata fatta una graphic novel ispirata al romanzo. Nel caso foste interessati vi consiglio di fare un giro negli online store per trovare il materiale che vi ho appena descritto.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...