lunedì 8 febbraio 2016

Domenica di novità in libreria, cosa ha attirato la mia attenzione...

Giusto per recuperare il tempo perduto, vi disturbo nuovamente, in questa piovosa, almeno dove abito io, domenica di febbraio. Ho interrotto la mia lettura con la Kirino e il suo "Una storia crudele", che mi ha già rapito, per segnalarvi qualcosa di interessante.
Mentre facevo colazione mi sono buttato alla ricerca delle varie novità presenti sul mercato al momento e questi due romanzi mi sono sembrati interessanti. Entrambi aprono al dialogo e le loro storie sono attualissime.

Questo romanzo, di cui potete vedere la copertina qui accanto, è stato scritto da Carlo Greppi. Nella foto che vede un ragazzo con vestiti moderni e sullo sfondo il campo di concentramento di Auschwitz, abbiamo la possibilità di capire di cosa parli il libro. Beh, lasciatemi dire, finalmente una copertina coerente con ciò che custodisce!
Giusto in breve, Francesco, contro il suo volere, si trova a dover affrontare una gita con la scuola. I genitori, decidono di inserirlo nel gruppo che parteciperà al viaggio organizzato. Una destinazione che non avrà nulla a che vedere con le immagini di vacanza che molti giovani hanno in mente. Il viaggio in Polonia sarà dedicato alla memoria storica del periodo peggiore che la natura umana abbia vissuto.
Un luogo atto ad informare e formare, attraverso le vicende storiche, i ragazzi della scuola del protagonista.
Questo romanzo prende spunto dalle attività che vedono l'autore coinvolto in prima persona, essendo parte dell'associazione Deina (cliccate se volete saperne di più).

Chiara Gamberale riesce sempre a regalare libri che portano a riflettere, una vera osservatrice dei sentimenti e delle relazioni umane. Il lettore quasi partecipa attivamente alla storia narrata. Dopo il grandissimo successo di "Per 10 minuti" - che ha visto anche una rappresentazione TV - torna nelle librerie l'11 febbraio per raccontarci l'"adesso", quel momento preciso quando ci si innamora, il momento migliore e allo stesso tempo il più spaventoso dato dalla reticenza dell'individuo, per sua natura, a non voler cambiare.
Questa scrittrice permette due possibilità: la si ama o la si odia, ovviamente per modo di dire. Personalmente, penso che sia una brava scrittrice e che abbia idee per i suoi romanzi alquanto originali ed innovative, sperimenta. Altra qualità, sempre per mia opinione, riesce a vivere la contemporaneità interpretando il pensiero comune e trascriverlo su carta, attraverso i suoi personaggi.
Appena possibile lo leggerò per voi e vi farò sapere cosa ne penso. Rimanete sintonizzati!

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...