sabato 4 febbraio 2017

Una nuova voce in libreria: "Binario 6" di Federica Nardon

Autore: Federica Nardon
Editore: Linea Edizioni
Collana: Linea narrativa
Pagine:160
Prezzo: Amazon lo propone a €11,90

Da poco tempo (novembre 2016) è uscito in libreria un libro scritto da Federica Nardon dal titolo "Binario 6". Questo è il romanzo d'esordio di questa scrittrice veneziana. 
Pubblicato dalla casa editrice Linea edizioni di Padova che, a parer mio, ha completamente azzeccato la copertina. Troppe volte le copertine non rispecchiano il contenuto del libro, e questa è una cosa che mi ha sempre sorpreso, beh, non è questo il caso. Avrete modo di confermare ciò che ho detto dopo aver letto il libro.  
Chi mi segue da tempo sa molto bene che parlo sempre e solo di libri che mi sono piaciuti o che, in qualche modo, hanno attirato la mia attenzione. Non mi va di perdere del tempo prezioso a parlare di libri che magari ho chiuso dopo le prime trenta pagine...
Il romanzo di Federica Nardon mi è piaciuto molto perché ha saputo mescolare elementi classici ad elementi tipici della narrazione contemporanea,  portando freschezza, soprattutto per il linguaggio utilizzato, riuscendo a portare a termine questo connubio fino alla fine.
Alice e Leopoldo, ecco i nomi dei protagonisti di questo romanzo. La loro storia inizia con una passione che li ha travolti molti anni prima del presente racontato nel libro. Ovviamente una passione che si è spenta così come si è accesa, nel nulla, senza lasciare la ben che minima traccia. 
Siamo nel presente, Alice cerca un contatto con Leopoldo, lui le risponde e così entrambi contribuiscono alla costruzione di quei tanto discussi castelli in aria
I tempi sono quelli moderni e non c'è nulla di più idicato per incarnare il momento con una relazione che vede il suo sfogo grazie alla presenza costante della rete. Tutti siamo raggiungibili e raggiunti da qualcosa o da qualcuno. Le conversazioni tra i due avvengono tramite un fitto scambio di e-mail, botta e risposta. 
Alice e Leopoldo si rivolgono l'una all'altro con regale distacco, il lettore percepisce un certo "gioco" tra i due, tipico della fase dell'innamoramento, tanto da far apparire quelle e-mail come uno scambio tra un impiegato ed il suo capo. Una scelta molto peculiare e sicuramente innovativa che non annoia mai, anzi, diverte. Il romanzo è molto divertente e all'interno troverete delle utili perle di saggezza.
Il lettore inizia "Binario 6" cercando di capire il rapporto tra i due, quali emozioni li rendono così attratti lei da Leopoldo e lui da Alice. Ma chi ha i sentimenti più veri? Chi ha realmente voglia di ricominciare? E' giusto ricominciare qualcosa che era diventato un fantasma? 
Beh, leggete il libro e troverete le vostre risposte. 
Io ho dato una mia interpretazione alla storia tutta. Alice entra nel pericoloso gioco della speranza che altro non serve se non a tenderle una debole mano per salvarla mentre sta appesa al precipizio dell'incertezza. Mano che può scivolare e lasciarla cadere per sempre o che può rafforzarsi e metterla in salvo con una presa più decisa, afferrandole il braccio con uno slancio.
Leopoldo si trova nella situazione perfetta e paradisiaca che viene attribuita a molti uomini. Alice ha bisogno di lui per capire e per mettere la parola fine, ma lui non ha bisogno di lei, ma gli piace giocare e quindi una volta in ballo...

Sono molteplici le letture che si potrebbero dare a questo libro di Federica Nardon. Io leggo un disagio affettivo dove una donna ricerca l'amore perduto o tanto desiderato, rivivendolo sotto la bugia che la tecnologia ci ha abituato ed educato ad avere. dove tutto è a portata di mano, una realtà virtuale che non delude quanto, invece, può fare la verità della vita. Immagina ciò che sarebbe potuto essere e che, forse, sarebbe dovuto diventare. 
L'inganno della tecnologia. Ci rende così raggiungibili da creare quel finto contatto che alberga solo nel nostro immaginario. Una bugia basata sul concetto di poter accorciare le distanze, dove in realtà l'unica cosa ad essere accorciata è il tempo che, in un passato ormai più che remoto, limitava l'effetto duraturo dei sentimenti.
Viviamo in un'epoca dove il contatto con la tastiera ha, in qualche modo, sostituito il contatto umano. La sterilità dello schermo ha mascherato l'imbarazzo e l'inibizione con il castigo alla solitudine.

In quarta di copertina si parla di Amore Infinito e Amore non Finito. Difficile da analizzare e da comprendere. Più complesso di ciò che può sembrare inizialmente. Federica Nardon è riuscita a spiegare cosa succede quando l'Amore non Finito sia cosciente del fatto che non diventerà mai Amore Infinito.
Insomma, questo sembra essere quella dannata situazione in cui ce la cantiamo e ce la suoniamo da soli, affrontando il ricordo, cercando una conquista che sappiamo bene non arrivare mai. Sembra quasi un esercizio al quale il nostro terapista ha voluto sottoporci per riuscire a sbloccare una verità che non esiste.
Alice non ha legami, è libera, Leopoldo ha qualcuno accanto a se. Ecco che una frase di Arthur Schopenhauer contenuta nel libro calza a pennello per capire il mondo degli amanti.

"Ci sarà una sola donna che corrisponderà nel modo più perfetto a un determinato uomo.
La vera passione d'amore è tanto rara quanto il caso che quei due si incontrino."

Il libro è scritto bene e si nota come ogni pagina, breve o lunga che sia, sia stata scritta con un perché, traspare un intento di comunicare il messaggio e devo dire che l'autrice ci è riuscita. Non voglio raccontarvi altro, quindi, per l'interpretazione della copertina di cui vi parlavo all'inizio di questa recensione, mi rimando a voi! 

Buona lettura! 

In caso foste interessati a conoscere l'autrice, e quindi a scoprire di più del suo romanzo, vi ricordo che farà una presentazione alla libreria Feltrinelli di Mestre il 15 febbraio prossimo c/o il Centro Commerciale Le Barche, Piazza XVII ottobre. Nel caso non vi troviate in zona, non vi preoccupate perché Crazy About Fiction vi proporrà presto un'intervista a Federica Nardon che ci ha gentilmente concesso.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...